Aiuti UK contribuisce a finanziare la sterilizzazione forzata dei poveri dell’India

Number of View: 1265

UK aid helps to fund forced sterilisation of India’s poor

Sunday 15 April 2012

 Money from the Department for International Development has helped pay for a controversial programme that has led to miscarriages and even deaths after botched operations

  

Sterilisation remains the most common method of family planning in India’s bid to curb its burgeoning population of 1.2 billion. Photograph: Mustafa Quraishi/AP

Tens of millions of pounds of UK aid money have been spent on a programme that has forcibly sterilised Indian women and men, the Observer has learned. Many have died as a result of botched operations, while others have been left bleeding and in agony. A number of pregnant women selected for sterilisation suffered miscarriages and lost their babies.

The UK agreed to give India £166m to fund the programme, despite allegations that the money would be used to sterilise the poor in an attempt to curb the country’s burgeoning population of 1.2 billion people.

Sterilisation has been mired in controversy for years. With officials and doctors paid a bonus for every operation, poor and little-educated men and women in rural areas are routinely rounded up and sterilised without having a chance to object. Activists say some are told they are going to health camps for operations that will improve their general wellbeing and only discover the truth after going under the knife.

Court documents filed in India earlier this month claim that many victims have been left in pain, with little or no aftercare. Across the country, there have been numerous reports of deaths and of pregnant women suffering miscarriages after being selected for sterilisation without being warned that they would lose their unborn babies.

Yet a working paper published by the UK’s Department for International Development in 2010 cited the need to fight climate change as one of the key reasons for pressing ahead with such programmes. The document argued that reducing population numbers would cut greenhouse gases, although it warned that there were “complex human rights and ethical issues” involved in forced population control.

The latest allegations centre on the states of Madhya Pradesh and Bihar, both targeted by the UK government for aid after a review of funding last year. In February, the chief minister of Madhya Pradesh had to publicly warn off his officials after widespread reports of forced sterilisation. A few days later, 35-year-old Rekha Wasnik bled to death in the state after doctors sterilised her. The wife of a poor labourer, she was pregnant with twins at the time. She began bleeding on the operating table and a postmortem cited the operation as the cause of death.

Earlier this month, India’s supreme court heard how a surgeon operating in a school building in the Araria district of Bihar in January carried out 53 operations in two hours, assisted by unqualified staff, with no access to running water or equipment to clean the operating equipment. A video shot by activists shows filthy conditions and women lying on the straw-covered ground.

Human rights campaigner Devika Biswas told the court that “inhuman sterilisations, particularly in rural areas, continue with reckless disregard for the lives of poor women”. Biswas said 53 poor and low-caste women were rounded up and sterilised in operations carried out by torchlight that left three bleeding profusely and led to one woman who was three months pregnant miscarrying. “After the surgeries, all 53 women were crying out in pain. Though they were in desperate need of medical care, no one came to assist them,” she said.

The court gave the national and state governments two months to respond to the allegations.

Activists say that it is India’s poor – and particularly tribal people – who are most frequently targeted and who are most vulnerable to pressure to be sterilised. They claim that people have been threatened with losing their ration cards if they do not undergo operations, or bribed with as little as 600 rupees (£7.34) and a sari. Some states run lotteries in which people can win cars and fridges if they agree to be sterilised.

Despite the controversy, an Indian government report shows that sterilisation remains the most common method of family planning used in its Reproductive and Child Health Programme Phase II, launched in 2005 with £166m of UK funding. According to the DfID, the UK is committed to the project until next year and has spent £34m in 2011-12. Most of the money – £162m – has been paid out, but no special conditions have been placed on the funding.

Funding varies from state to state, but in Bihar private clinics receive 1,500 rupees for every sterilisation, with a bonus of 500 rupees a patient if they carry out more than 30 operations on a particular day. NGO workers who convince people to have the operations receive 150 rupees a person, while doctors get 75 rupees for each patient.

A 2009 Indian government report said that nearly half a million sterilisations had been carried out the previous year but warned of problems with quality control and financial management.

In 2006, India’s ministry of health and family welfare published a report into sterilisation, which warned of growing concerns, and the following year an Indian government audit of the programme warned of continuing problems with sterilisation camps. “Quality of sterilisation services in the camps is a matter of concern,” it said. It also said the quality of services was affected because much of the work was crammed into the final part of the financial year.

When it announced changes to aid for India last year, the DfID promised to improve the lives of more than 10 million poor women and girls. It said: “We condemn forced sterilisation and have taken steps to ensure that not a penny of UK aid could support it. The UK does not fund sterilisation centres anywhere.

“The coalition government has completely changed the way that aid is spent in India to focus on three of the poorest states, and our support for this programme is about to end as part of that change. Giving women access to family planning, no matter where they live or how poor they are, is a fundamental tenet of the coalition’s international development policy.”

FONTE: http://www.guardian.co.uk/world/2012/apr/15/uk-aid-forced-sterilisation-india
/————/
Tradotto con Google
/———/
 

Aiuti UK contribuisce a finanziare la sterilizzazione forzata dei poveri dell’India

 Sabato 14 aprile 2012

Il denaro da parte del Dipartimento per lo Sviluppo Internazionale ha contribuito a pagare per un controverso programma che ha portato a errori, anche letali, dopo le operazioni raffazzonati

 Sterilizzazione rimane il metodo più comune di pianificazione familiare in India tentativo di frenare la crescente popolazione di 1,2 miliardi di euro.  Fotografia: Mustafa Quraishi / AP

 Decine di milioni di sterline del Regno Unito aiuti denaro sono stati spesi per un programma che ha sterilizzato con la forza delle donne indiane e gli uomini, l’Observer ha imparato.  Molti sono morti come risultato di operazioni difettose, mentre altri sono stati emorragia a sinistra e in agonia.  Un certo numero di donne in gravidanza selezionati per la sterilizzazione subito aborti e ha perso i loro bambini.

 Il Regno Unito ha accettato di dare India £ 166 per finanziare il programma, nonostante le accuse che i soldi sarebbero stati usati per sterilizzare i poveri nel tentativo di frenare crescente popolazione del paese di 1,2 miliardi di persone.

 La sterilizzazione è stata oggetto di controversie per anni.  Con i funzionari e medici pagato un bonus per ogni operazione, gli uomini poveri e poco istruiti e le donne nelle zone rurali vengono regolarmente catturati e sterilizzati, senza avere la possibilità di opporsi.  Gli attivisti dicono alcuni viene detto che stanno andando a campi sanitari per le operazioni in grado di migliorare il loro benessere generale e scoprire la verità solo dopo essere andato sotto i ferri.

 Atti giudiziari depositati in India all’inizio di questo mese affermazione che molte vittime sono state lasciate nel dolore, con poco o nessun monitoraggio.  In tutto il paese, ci sono state numerose segnalazioni di decessi e delle donne in gravidanza che soffrono aborti dopo essere stata selezionata per la sterilizzazione senza essere avvertito che avrebbero perso i loro bambini non ancora nati.

 Tuttavia, un documento di lavoro pubblicato dal ministero britannico per lo sviluppo internazionale nel 2010 ha citato la necessità di combattere il cambiamento climatico come una delle ragioni principali per la pressatura avanti con tali programmi.  Il documento sostiene che ridurre il numero della popolazione avrebbe tagliato i gas serra, anche se ha avvertito che c’erano “i diritti umani e delle complesse questioni etiche”, coinvolti nel controllo della popolazione forzata.

 L’ultimo centro di accuse sullo stato di Madhya Pradesh e Bihar, sia di mira dal governo britannico per gli aiuti dopo una revisione del finanziamento dello scorso anno.  Nel mese di febbraio, il primo ministro del Madhya Pradesh ha dovuto mettere in guardia pubblicamente off suoi funzionari dopo le notizie diffuse di sterilizzazione forzata.  Pochi giorni dopo, 35 anni, Rekha Wasnik sanguinò a morte nello Stato dopo che i medici la sua sterilizzazione.  La moglie di un operaio povero, era incinta di due gemelli al momento.  Ha cominciato a sanguinare sul tavolo operatorio e post-mortem ha citato l’operazione come la causa della morte.

 All’inizio di questo mese, la Corte Suprema dell’India sentito come un chirurgo opera in un edificio scolastico nel quartiere Araria del Bihar, nel gennaio effettuato 53 operazioni in due ore, assistita da personale non qualificato, che non hanno accesso all’acqua corrente o attrezzature per pulire le attrezzature di funzionamento .  Un video girato dagli attivisti mostra sporcizia e le donne che si trovano sul terreno coperto di paglia.

 Attivista per i diritti umani Devika Biswas ha detto alla corte che “sterilizzazioni disumane, soprattutto nelle zone rurali, continuare con totale indifferenza per la vita delle donne povere”.  Biswas ha detto 53 donne povere e di bassa casta furono arrestati e sterilizzati ad operazioni svolte alla luce delle torce, che ha lasciato tre sanguinava copiosamente e ha portato a una donna che era incinta di tre mesi aborto.  “Dopo gli interventi, tutte le 53 donne sono state grida di dolore. Se fossero in disperato bisogno di cure mediche, non è venuto nessuno ad aiutarli”, ha detto.

 Il tribunale ha dato i governi nazionali e statali di due mesi per rispondere alle accuse.

 Gli attivisti dicono che è l’India i poveri – persone e soprattutto tribali – che sono più frequentemente di mira e che sono più vulnerabili alle pressioni per essere sterilizzato.  Essi sostengono che le persone sono state minacciate di perdere le loro carte annonarie, se non oggetto di operazioni, o corrotti da un minimo di 600 rupie (£ 7.34) e un sari.  Alcuni stati eseguito lotterie in cui le persone possono vincere auto e frigoriferi se accettano di essere sterilizzati.

 Nonostante la controversia, un rapporto del governo indiano dimostra che la sterilizzazione rimane il metodo più comune di pianificazione familiare utilizzato nel suo riproduttivo e della Child Health programma di Fase II, avviato nel 2005 con 166 sterline del Regno Unito finanziamento.  Secondo il DfID, il Regno Unito si è impegnato per il progetto fino al prossimo anno e ha speso £ 34m nel 2011-12.  La maggior parte del denaro – £ 162m – è stato pagato, ma non le condizioni speciali sono state immesse sul finanziamento.

 Il finanziamento varia da stato a stato, ma in Bihar cliniche private ricevono 1.500 rupie per ogni sterilizzazione, con un bonus di 500 rupie al paziente se effettuano oltre 30 operazioni in un giorno particolare.  Operatori delle ONG che convincere la gente ad avere le operazioni ricevono 150 rupie a persona, mentre i medici ottenere 75 rupie per ogni paziente.

 Una relazione del 2009 il governo indiano ha detto che quasi mezzo milione di sterilizzazioni era stata effettuata l’anno precedente, ma ha avvertito dei problemi con il controllo qualità e gestione finanziaria.

 Nel 2006, il ministero indiano di salute e il benessere e la famiglia ha pubblicato un rapporto in sterilizzazione, che ha avvertito delle crescenti preoccupazioni, e l’anno seguente una revisione governo indiano del programma ha avvertito dei problemi continui con campi di sterilizzazione.  “Qualità dei servizi di sterilizzazione nei campi è un motivo di preoccupazione”, ha detto.  Ha anche detto che la qualità dei servizi è stata colpita perché gran parte del lavoro è stato stipato nella parte finale dell’esercizio.

 Quando ha annunciato modifiche agli aiuti per l’India l’anno scorso, il DFID promesso di migliorare la vita di oltre 10 milioni di donne povere e ragazze.  Diceva: “Condanniamo la sterilizzazione forzata e hanno adottato misure per garantire che non un centesimo di aiuti UK potrebbe sostenere il Regno Unito non finanzia centri di sterilizzazione da nessuna parte..

 “Il governo di coalizione ha completamente cambiato il modo in cui gli aiuti vengono spesi in India di concentrarsi su tre degli stati più poveri, e il nostro sostegno a questo programma sta per finire, come parte di questo cambiamento. Dando alle donne l’accesso alla pianificazione familiare, non importa dove vivono o come poveri sono, è un principio fondamentale della politica di sviluppo internazionale della coalizione “.

FONTE: http://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&tl=it&u=http%3A%2F%2Fthegwpf.org%2Fuk-news%2F5586-uk-climate-policy-helps-fund-forced-sterilisation-of-indias-poor.html