Ducati si trasferisce in Thailandia: e il made in Italy?

Number of View: 716

Ducati

gennaio 10th, 2011

Written by: Palla Racing

Più che un’esplosione, una implosione deflagrante. La notizia che Ducati inizia a mettere “radici” in terra d’oriente con la costruzione di un nuovo stabilimento in Thailandia scuote dal di dentro i meccanismi del sistema “Borgo Panigale” con una prima levata di scudi dal mondo sindacale per via dei lavoratori preoccupati da una possibile delocalizzazione dell’attività produttiva (sebbene “il grosso” dovrebbe rimanere il Italia). Paure non poi così ingiustificate che – ad onor del vero – non dovrebbero però trasformarsi in ipotesi di cassa integrazione e possibili licenziamenti, almeno nel breve periodo.

Ma una notizia così non poteva non deflagrare tra i ducatisti duri e puri da sempre gelosi della propria identità e del DNA totalmente made in Italy della propria passione. Esagerazione? Un modo di intendere le realtà produttive oramai arretrato e da emancipare? Certo è che arrivare al bar col proprio Monster anche solo parzialmente made in Thailandia potrebbe essere un duro colpo, in futuro, per i desmo-addicted.

E per Ducati? Il “rischio d’immagine”, in queste occasioni, è sempre dietro l’angolo. Vedremo come gestiranno la cosa dalle parti di Bologna.

FONTE: http://www.pianetariders.it/2011/01/ducati-si-trasferisce-in-thailandia-e-il-made-in-italy/12747