In vigore l’accordo sul clima, cosa cambia

Number of View: 662

Parigi – Meno di un anno dopo la sua adozione a Parigi entra oggi in vigore l’accordo Cop21 per limitare il riscaldamento globale. Un primo passo importante in un cammino di attuazione ancora lungo, di cui si discuterà a partire dalla prossima settimana a Marrakech, che ospiterà la 22esima Conferenza sul Clima.

Pessimista l’esperto: “Cop21 un bluff. Tra 15 anni +4 gradi”

ART. COMPLETO :   agi.it http://www.agi.it/estero/2016/11/04/news/da_oggi_laccordo_sul_clima_cosa_dice_cop21-1218054/

/—————————–/

Record Arctic Warmth – in 1937 Riscaldamento globale rispetto al passato ed opera dell’uomo? Nuovi dati in possesso certificano esattamente l’opposto. Records dal1902 al 1937-1938 confermano la maggiore temperatura rispetto al periodo odierno, ed una fase di successivo raffreddamento dal 1938 al 1968.
C’è di più, perché nel periodo 1937 – 1938 la temperatura era nettamente superiore a quella definita critica dei giorni nostri.
Dal 1968 si assiste ad una nuova fase di riscaldamento, ma che non presenta diversità eclatanti rispetto a quanto registrato all’inizio del secolo e, negli ultimi anni, sembra appiattirsi.
Anche il riscaldamento urbano non sembra essere così evidente a conferma delle amenità profuse a piene mani dai catastrofisti.
Forse nel 1900 c’erano già troppe industrie ed aerei…  FONTE http://euanmearns.com/record-arctic-warmth-in-1937/

Bene sarebbe opportuno considerare che L’allarmismo sul riscaldamento globale significa riduzione della popolazione, non scienza.

L’ecologia, un disastro nato per colpa di una favoletta
Un’altra tanto tragica quanto ignorante lotta dei Verdi del mondo è quella per la riduzione delle emissioni di CO2. Dovete sapere che l’85% delle azioni che facciamo sfruttano energia prodotta con emissioni di CO2 (il restante 15% no, grazie a nucleare e idroelettrico) e che l’80% dei costi del cibo nel nostro piatto sono costi energetici: in pratica, la moderna agricoltura altro non è che la trasformazione di petrolio in cibo. Orbene, ridurre le emissioni di CO2 del 50% come prefigurano i Verdi (tra i quali brillano personaggi come Al Gore o il Principe Carlo d’Inghilterra), a noi farebbe saltare la cena, ma porterebbe centinaia di milioni di persone dalla condizione di morti-di-fame a quella di morti per fame.
FONTE http://www.ilgiornale.it/news/lecologia-disastro-nato-colpa-favoletta.html

LA CO2 INGRASSA. E GLI ASINI VOLANO! …La ricerca dell’Università di Copenhagen aspira ad essere l’anello di congiunzione tra le paranoie catastrofiste-ambientaliste attestanti l’esistenza di un surriscaldamento climatico del pianeta (smentite dalle rivelazioni del climategate) ad opera della CO2 e le tesi legate ad una visione di paternalismo alimentare proibizionista nazi-salutista ai fini di una decrescita malthusiana e di una lotta marxista contro le multinazionali, il benessere e lo stile di vita occidentale individuale….
..cavallo di Troia con il quale mascherare, avanzare e far accettare socialmente propositi e motivazioni politico-ideologiche potenzialmente criminogene al pari dell’eliminazione per quote di popolazione messe in atto nella Cambogia di Pol Pot o delle carestie “scientifiche” di Stalin in Ucraina…

FONTI :    http://www.movimentolibertario.com/2012/03/la-co2-ingrassa-e-gli-asini-volano/

http://www.lindipendenza.com/la-co2-ingrassa-e-gli-asini-volano/