PARCO DEL CIRCEO, GAETANO BENEDETTO E LA POLITICA “VERDE” DEL “NULLA OSTA”.

Number of View: 2320

GAETANO BENEDETTO E’ “.F.U.R.I.O.S.O.” ?.. si è rotto il “giocarello”?

http://terracinasocialforum.wordpress.com/2010/08/06/benedetto-furioso-dopo-le-accuse-degli-assessori-una-lettera-sui-vincoli-insuperabili/

Dunque.

Benedetto vuole tutelare l’ambiente?
O vuole semplicemente realizzare la “DECRESCITA FELICE”.. ?

A CUBA così come nel resto del mondo di “sinistra” sono specialisti in “decrescita” più o meno felice !..

Ma Gaetano benedetto forse è “FURIOSO” perchè a breve.. tutti a casa..?

Questa mi mancava, Silvio D’Arco Assessore Provinciale dichiara:
FestAmbiente liquidata come « un ’adunata ambientalista all’insegna della museificazione forzata del lago di Paola… mentre Sabaudia vive una crisi economica aggravata anche e soprattutto dalla incapacità del presidente Gaetano Benedetto, di espressione ambientalista».

Non è che un eufemismo troppo buono l’Assessore.

In verità LEGAMBIENTE viene meglio descritta dal Sindaco di Anzio Bruschini:
-“E’ un’associazione alquanto discutibile, composta da personaggi incompetenti e faziosi, che tenta di bloccare lo sviluppo di Anzio” –

-“vergognoso il silenzio di Legambiente rispetto all’ampliamento del porto di Nettuno ed al nuovo porto privato di Fiumicino con i grattacieli su area demaniale alle foci del Tevere”-

http://www.comune.anzio.roma.it/web/novita/vedi-notizie.asp?da=01/01/2000&a=01/01/2020&oggetto=porto

/———-/

Ma come vedremo piu dettagliatamente LEGAMBIENTE, sembra a mio avviso, avere una concezione a “corrente alternata”, riguardo le ambientali proteste..

Dunque.
Vedo Gaetano Benedetto presidente del Parco “FURIOSO”.

“FURIOSO” era l’ORLANDO!
Benedetto non può essere furioso.. raccoglie i giusti frutti !

Ha reso invivibile il parco, trasformato in un delirio di “NO” a tutto sempre e comunque.

La vera “minaccia” per chi vive o peggio lavora, purtroppo in questo delirio ambientalista è che si riconfermi Benedetto come Presidente.

Una “politica” tutelatrice.. in linea con la demagogica “TUTELA” espletata con una interminabile sequela di multe, sequestri.. azioni coercitive.

Ma Gaetano Benedetto, Vice Segretario Generale del WWF Italia, scrivendo questa lettera SUI VINCOLI INSUPERABILI .

http://terracinasocialforum.wordpress.com/

Si rende conto di quale danno si è riusciti a creare a tutta l’economia della zona, con questi vincoli spesso interpretati come assoluta negazione della più piccola miglioria?

Che proponeva Benedetto i campi da golf’??
La “GENTE” cari signori..deve lavorare per mangiare!
Non ha tempo per andare a fare il birdwatching nei campi da “GOLF” proposti da Benedetto!

Ma quale sviluppo?.. ma quale tutela..

E’ sotto gli occhi di tutti questa tutela, per cui anche un impianto di illuminazione di una strada è ANTIAMBIENTALE!

NON NE POSSIAMO PIU’! Di Lui.. e di questa delirante appropriazione di competenze.
Di questo “stalinismo” ambientale!

Anche il Comune di Sabaudia: “ABUSIVO il palco comunale”.
MANCAVA il “NULLA OSTA” degli enti competenti per la salvaguardia del territorio.

Ossia anche il Comune, così come tutti i comuni, che ricadono in questi infernali “parchi”, sono in “OSTAGGIO” dei “NULLA OSTA”.

E allora BASTA!

Non ne possiamo più del “WWF”, di “LEGAMBIENTE” di “ITALIA NOSTRA” !
Di tutte queste associazioni fondate sul “NO” comunque e sempre.. a tutto!

Questo è il PARCO di Gaetano Benedetto!
http://www.wikio.it/article/fulminante-leucemia-agonia-parco-circeo-184508950

E ora una panoramica di queste benemerite “AMBIENTALISTE” associazioni.

Questo è il “WWF”:
http://www.inganno-ambientalista.it/content/view/101/2/

Questa è “LEGAMBIENTE”
http://www.wikio.it/article/energie-alternative-global-warming-carbon-company-204410395

Questa è “ITALIA NOSTRA”:
http://www.wikio.it/article/sabaudia-piazza-piace-italia-194164238

Questi sono i “PARCHI”:
http://www.wikio.it/article/parchi-aree-protette-verde-sinistra-legambiente-business-204430676

E questa è la climatica “GIOSTRINA” con cui i PARCHI a breve potrebbero diventare fonte di guadagni anche “PERSONALI” : LA FAMOSA CARBON TAX. Ossia milioni di euro..

http://www.google.it/url?sa=t&source=web&cd=1&ved=0CBUQFjAA&url=http%3A%2F%2Fwww.inganno-ambientalista.it%2Fcontent%2Fview%2F181%2F2%2F&ei=K-tbTPmXF5-JOPPi9cIP&usg=AFQjCNGfyaphkw3VKx1oPImfRNox3VrG5A&sig2=2G9Ggiy9sXRE5qN8wuiQRw

Cordialmente.

PIERO IANNELLI

— Segretario XI Municipio. ROMA “ La Destra ”—

–“Resp. Per le aree tutelate e vincolate”–

— pieroiannelli@gmail.com -– N”.Cell: 3398513962

Un pensiero riguardo “PARCO DEL CIRCEO, GAETANO BENEDETTO E LA POLITICA “VERDE” DEL “NULLA OSTA”.

  • 10/12/2010 in 16:27
    Permalink

    Poi SE uno volesse REALMENTE tutelare l’ambiente garantendo lo sviluppo o le migliorie i mezzi ci potrebbero essere nella maggioranza (o almeno in un gran numero) di casi:
    ad es x l’ILLUMINAZIONE STRADALE: l’inquinamento luminoso è anche un enorme spreco, compriamo lampioni che abbiano quei coni riflettenti che dirigono la luce solo in basso (e permettono di usare lampadine meno potenti), oppure aggiungiamoli ai vecchi lampioni (il prezzo dovrebbe essere basso e poi si risparmia in corrente dopo), oppure se vogliamo fare le cose in grande esistono lampioni a fotocellula che si accendono solo se qualcuno transita illuminando il tratto di strada interessato (anche questi, seppur costano di + all’inizio permettono grandi risparmi di corrente soprattutto x aree poco transitate di notte).

    X il porto, salvo rari casi si possono decidere accorgomenti x mitigarne l’impatto o spostarlo leggermente se la zona prescelta era di particolare importanza (ad es mangrovie).
    Se si deve fare una diga la si faccia con gli appositi (e non troppo costosi) “passaggi x pesci” fatti dopo aver capito che tipo di pesci dobbiamo far passare.
    le opere fluviali se fatte correttamente a basso impatto possono proteggere le città a valle dalle piene (così si evitano i miliardi spesi x l’ennesima alluvione-frana ecc), migliorare caccia e pesca (anche verso aree distanti) e creare aree parco sfruttabili economicamente.
    Insomma, SE si prendessero persone competenti (e che non vogliono arricchirsi personalmente) a valutare le situazioni si potrebbero trovare quasi sempre misure che proteggano l’ambiente e promuovano o non danneggino lo sviluppo.

    Il problema è che Legambiente non vuole proteggere l’ambiente, o almeno quando lo fa è x puro caso o x propaganda…

    La situazione è deprimente…

I commenti sono chiusi