U.S. Company and China Plan Solar Project

Number of View: 2778

U.S. Company and China Plan Solar Project

By TODD WOODY
Published: September 8, 2009

Chinese government officials signed an agreement on Tuesday with First Solar, an American solar developer, for a 2,000-megawatt photovoltaic farm to be built in the Mongolian desert.

Skip to next paragraph

Associated Press via First Solar

Mike Ahearn, chief executive of First Solar, left, greets Wu Bangguo, chairman of the Standing Committee of the National People’s Congress of China. The memorandum of understanding between Chinese officials and First Solar would open a potentially vast solar market in China.

Set for completion in 2019, the First Solar project represents the world’s biggest photovoltaic power plant project to date, and is part of an 11,950-megawatt renewable-energy park planned for Ordos City in Inner Mongolia.

The memorandum of understanding between Chinese officials and First Solar, the world’s largest photovoltaic cell manufacturer, would open a potentially vast solar market in China and follows the Chinese government’s recent moves to accelerate development of renewable energy.

When completed, the Ordos solar farm would generate enough electricity to power about three million Chinese homes, according to First Solar.

First Solar, based in Tempe, Ariz., is also likely to build a factory in China to make thin-film solar panels, said Mike Ahearn, the company’s chief executive. “It is significant that a non-Chinese company can land something like this in China,” Mr. Ahearn said in an interview.

Most proposed large-scale solar projects use solar thermal technology, which deploys mirrors to heat a liquid to create steam that drives an electricity-generating turbine. But as photovoltaic technology becomes more cost-competitive, utilities are turning to companies like First Solar for big solar power farms. Such projects generally have fewer environmental impacts and can be brought online faster than solar thermal plants.

“This is nuclear power-size scale,” Mr. Ahearn said of the China project. “A two-gigawatt solar project, if this is connected and is economical at the grid level, demonstrates that solar on a large scale really does work.”

Financial terms of the agreement have yet to be reached and will depend on China completing a feed-in tariff that pays a premium for electricity generated by renewable energy projects. First Solar said the 2,000-megawatt power plant would cost $5 billion to $6 billion if built in the United States today, but it said the cost to build such a project in China would probably be lower.

The Ordos agreement is the latest large-scale solar farm deal that First Solar has signed in recent months as it expands its business from manufacturing solar modules to building power plants. The company also has agreed to supply two California utilities with 1,100 megawatts of electricity from three big solar farms.

“Discussions with First Solar about building a factory in China demonstrate to investors in China that they can confidently invest in the most advanced technologies available,” Cao Zhichen, vice mayor of Ordos Municipal Government, said in a statement.

Until the announcement of the Ordos project, the largest single photovoltaic power plant was the 550-megawatt Topaz solar farm to be built by First Solar in California. As solar panel prices continue to fall and projects like Ordos bring further economies of scale, photovoltaic farms are expected to become more competitive with solar thermal power plants.

China is home to a blossoming solar industry thanks to generous government support. But Chinese companies like Suntech, the world’s third-largest solar module maker, export most of their products.

First Solar’s cadmium telluride solar cells are less efficient at converting sunlight into electricity than standard crystalline silicon cells made by companies like Suntech but they can be manufactured at a significantly lower cost.

“Given that China has built up homegrown companies like Suntech, it’s quite significant that they’re importing a U.S. world leader to the marketplace,” said Nathaniel Bullard, a solar analyst at New Energy Finance, a London market research firm. “This is going to help ensure technological leadership and not just manufacturing leadership.”

Suntech formed a venture last year to build solar power plants in the United States and has announced plans to open a factory in the Southwest.

A high-ranking Chinese official, Wu Bangguo, chairman of the Standing Committee of the National People’s Congress of China, attended the signing of the First Solar agreement in Arizona on Tuesday. The memorandum of understanding is just the first step in what is likely to be a long and complicated process to build such a gargantuan solar power plant in a country with little experience in constructing such projects.

“The ability to predict solar energy yields off these systems to make accurate financial predictions isn’t in place yet in China,” Mr. Ahearn said.

Plans for the Ordos renewable energy park call for wind farms to generate 6,950 megawatts, photovoltaic power plants to provide 3,900 megawatts and solar thermal farms to supply 720 megawatts. Biomass operations, fueled by organic materials like wood chips and straw, will contribute 310 megawatts; 70 megawatts will be available from hydro storage, a load-balancing technology that uses off-peak power to pump water to a high reservoir from which it can be released to turn turbines at peak demand periods.

First Solar will have to establish a supply chain to provide power inverters and other hardware needed for its part of the project as well as train Chinese contractors how to build and operate solar farms. Another hurdle is that China must upgrade its transmission system to connect the solar power plant to the grid.

Mr. Ahearn said it was probable that a Chinese utility would ultimately own and run the 16,000-acre solar power plant.

The agreement calls for ground to be broken on the first 30-megawatt phase of the project by June 1, 2010, followed by 100-megawatt and 870-megawatt additions to be completed by the end of 2014. A final 1,000-megawatt phase is scheduled to go online by Dec. 31, 2019.

FONTE: http://www.nytimes.com/2009/09/09/business/energy-environment/09solar.html

/———–/

Tradotto con google:

Traduzione da inglese verso italiano

Funzionari del governo cinese ha firmato un accordo di Martedì con First Solar, uno sviluppatore americano solare, per un allevamento di 2.000 megawatt fotovoltaici da costruire nel deserto della Mongolia.

Set per il completamento nel 2019, il progetto rappresenta la maggiore First Solar fotovoltaico del mondo progetto centrale elettrica ad oggi, e fa parte di un parco di 11.950 megawatt di energia rinnovabile in programma per Ordos, nella Mongolia Interna.

Il protocollo d’intesa tra funzionari cinesi e First Solar, il più grande produttore di celle fotovoltaiche del mondo, avrebbe aperto un mercato potenzialmente vasto solare in Cina e segue le recenti iniziative del governo cinese per accelerare lo sviluppo delle energie rinnovabili.

Una volta completato, l’azienda agricola Ordos solare potrebbe generare elettricità sufficiente ad alimentare circa tre milioni di case cinese, secondo il First Solar.

First Solar, con sede a Tempe, Arizona, è anche probabile che costruire una fabbrica in Cina, per rendere i pannelli solari a film sottile, ha detto Mike Ahearn, amministratore delegato della società. “E ‘significativo il fatto che una società non cinesi possono atterrare qualcosa del genere in Cina,” Mr. Ahearn ha detto in un’intervista.

La maggior parte dei proposti progetti di grandi dimensioni solare utilizzare tecnologia solare termica, che schierava specchi per riscaldare un liquido per produrre vapore che aziona una turbina di energia elettrica. Ma, come la tecnologia fotovoltaica diventa più costi competitivi, utility si rivolgono a società come First Solar per grandi aziende di energia solare. Tali progetti generalmente hanno meno impatto sull’ambiente e può essere portato in linea più veloce di impianti solari termici.

“Questo è il nucleare scala di potenza-size”, ha dichiarato Ahearn del progetto Cina. “Un progetto a due gigawatt solari, se questo è collegato ed economica a livello della rete, dimostra che solare su larga scala realmente funziona.”

I termini finanziari dell’accordo non sono ancora stati raggiunti e dipenderà dalla Cina il completamento di un feed-in tariff, che paga un premio per l’energia elettrica generata da progetti di energia rinnovabile. First Solar ha detto che la centrale elettrica da 2.000 megawatt costerebbe 5 miliardi a 6 miliardi dollari se costruita negli Stati Uniti oggi, ma ha detto che il costo per costruire un progetto del genere in Cina, sarebbe probabilmente più bassa.

L’accordo di Ordos è l’ultimo affare di grandi dimensioni parco solare che la First Solar ha firmato negli ultimi mesi mentre si espande la sua attività, dalla produzione di moduli solari per impianti di costruzione. La società ha anche deciso di fornire due utilità California con 1.100 megawatt di elettricità da tre grandi fattorie solari.

“Le discussioni con First Solar di costruire una fabbrica in Cina dimostrare agli investitori in Cina che si può tranquillamente investire nelle tecnologie più avanzate disponibili,” Cao Zhichen, vice sindaco di Ordos Governo Municipale, ha detto in una dichiarazione.

Fino a quando l’annuncio del progetto di Ordos, il più grande singolo impianto fotovoltaico è stata l’azienda agricola di 550 megawatt Topaz solare che sarà costruita da First Solar in California. Mentre i prezzi del pannello solare continuano a cadere e progetti come Ordos portare ulteriori economie di scala, le aziende agricole fotovoltaico si prevede di diventare più competitiva con centrali solari termodinamiche.

La Cina è sede di una fiorente industria del solare grazie al generoso sostegno del governo. Ma le imprese cinesi come Suntech, terzo produttore mondiale di moduli solari, la maggior parte delle esportazioni dei loro prodotti.

cadmio First Solar tellururo di celle solari sono meno efficienti nel convertire la luce solare in energia elettrica rispetto allo standard celle in silicio cristallino fatta da aziende come la Suntech ma possono essere realizzati ad un costo notevolmente inferiore.

“Dato che la Cina ha costruito aziende homegrown come Suntech, è abbastanza significativo che si sta importando un leader mondiale degli Stati Uniti per il mercato,” ha detto Nathaniel Bullard, un analista solare presso la New Energy Finance, una società di ricerca di mercato londinese. “Questo servirà a garantire la leadership tecnologica e la leadership non solo di produzione.”

Suntech formato una joint scorso anno per costruire centrali solari negli Stati Uniti e ha annunciato piani per aprire una fabbrica nel sud-ovest.

Un alto funzionario cinese, Wu Bangguo, presidente del Comitato permanente del Congresso popolare nazionale, hanno assistito alla firma dell’accordo di First Solar in Arizona il Martedì. Il memorandum d’intesa è solo il primo passo in quella che è probabile che sia un processo lungo e complicato per costruire un simile impianto gigantesco di energia solare in un paese con poca esperienza nella costruzione di tali progetti.

“La capacità di prevedere le rese energia solare fuori questi sistemi di fare accurate previsioni finanziarie non è ancora al suo posto in Cina”, ha dichiarato Ahearn.

Piani per l’energia rinnovabile chiamata parco Ordos per le centrali eoliche per produrre 6.950 megawatt, impianti fotovoltaici per fornire 3.900 megawatt e fattorie solari termici per la fornitura di 720 megawatt. operazioni di biomasse, alimentato da materiali organici come frammenti di legno e paglia, contribuirà 310 megawatt; 70 megawatt saranno disponibili dal magazzino idroelettrica, una tecnologia di bilanciamento del carico che usa il potere di punta per pompare l’acqua ad un serbatoio alto da cui si può rilasciato per attivare turbine a periodi di picco della domanda.

First Solar dovrà stabilire una catena di approvvigionamento per fornire inverter di potenza e altri componenti hardware necessarie per la sua parte del progetto così come treno imprenditori cinesi come costruire e gestire parchi solari. Un altro ostacolo è che la Cina deve migliorare il sistema di trasporto per collegare l’impianto fotovoltaico alla rete.

Mr. Ahearn ha detto che è probabile che un programma di utilità cinese finirebbe possiede e gestisce l’impianto di 16.000 acri di energia solare.

L’accordo prevede per terra per essere spezzato per la prima fase di 30 megawatt del progetto entro il 1 giugno 2010, seguita da 100 megawatt e le aggiunte 870-megawatt essere completata entro la fine del 2014. Una fase finale di 1.000 megawatt è prevista per andare on-line da 31 Dicembre 2019.