un magnate australiano denuncia: La CIA finanzia Greenpeace e determinati gruppi ambientalisti

Number of View: 1858
Inviato da number6 il 25. Marzo 2012 – 3:37

Un’ altra inquietante notizia per voi.
Clive Palmer uno dei piu’ ricchi magnati minerari australiani ha convocato una conferenza stampa Martedì per denunciare un presunto complotto della CIA per sabotare l’economia nazionale, finanziando i gruppi di protesta anti-carbone e determinati gruppi di verdi legati alle teorie sulla panzana dell’effetto serra.

Palmer possiede la Waratah carbon e la Nickel Queensland e da tempo e’ attivamente coinvolto nella politica australiana conservatrice ed è tra i maggiori finanziarori al Partito Liberale Nazionale in Queensland e il Partito Liberale federale. Martedì scorso ha presentato un documento trapelato e segreto di Greenpeace e di altre organizzazioni nominato “fermate l’esportazione selvaggia del carbone australiano”, che ha delineato diverse strategie di boicottare i progetti di estrazione di carbone. Parte del documento, ha spiegato il magnate sono state “basate su ricerche approfondite nel settore del carbone australiano reso possibile grazie generoso sostegno del Fondo Famiglia Rockefeller.”

“Questa gente e’ finanziata dalla CIA,” ha dichiarato Palmer. “Basta tornare indietro e leggere il Church Report nel 1970 e leggere le relazioni al Congresso degli Stati Uniti che ha istituito la Fondazione Rockefeller come “conduttura economica” per il finanziamento della CIA. Basta guardare il bilancio segreto che è stata approvato dal Congresso l’anno scorso, più grande della nostra intera economia nazionale “.

Egli ha affermato che i Verdi sono “uno strumento del governo degli Stati Uniti e Rockefeller.” Non vogliamo la dominazione da una potenza straniera. Io sono prima un australiano, non sono un americano … Ci teniamo a questo paese ed e’ sotto attacco da parte di interessi stranieri. Credo che vogliono promuovere i loro prodotti a scapito dei nostri. ”

Palmer chiaramente fa riferimento al “nuovo ordine mondiale”. L’establishment politico e quello dei media sono molto stati veloci a disdegnare la notizia e ignorare una qualsiasi ipotesi di un coinvolgimento da parte agenti dei servizi segreti americani che secondo Palmer attualmente svolgono un ruolo attivo nella politica australiana. Il coinvolgimento politico degli Stati Uniti, tuttavia, è in realtà ampiamente documentata insieme ai finanziamenti della CIA

La questione resta comunque un argomento tabù nella politica ufficiale. Per tutto lo svolgimento della conferenza stampa e delle sue accuse contro i Verdi, nessuna sezione dei media ha seguito Palmer, pubblicando la sua notizia, il solito silenzio dei mainstream media propagandistici. “Si torna al licenziamento Whitlam,” ha dichiarato Palmer. “Questo è gia’ stato documentato”.

Palmer ha ripetutamente criticato i governi Rudd e Gillard che si inimicavano il governo cinese. Nel 2009 e nel 2010 ha accusato il Foreign Investment Review Board (FIRB) di razzismo. “Se sei un americano e hai ucciso tua moglie, vai al Ku Klux Klan ogni settimana, sei stato arrestato per droga ma appena uscito di prigione puoi venire qui e investire 953 milioni dollari, senza nessun controllo da parte del Governo” ha detto alla Australian Financial Review. “Ma se sei un povero contadino cinese di Guangzhou, devi passare attraverso tutti i rifiuti del FIRB e probabilmente devi ribussare di nuovo.”

Nel novembre dello scorso anno, il magnate minerario Gillard ha denunciato l’annuncio che migliaia di Marines degli Stati Uniti avrebbero stazionato nel nord Australia. L’Australian Financial Review ha riportato che Palmer e altri dirigenti minerari avevano “snobbato” di proposito un pranzo ufficiale con il presidente Obama. “Perché pensi che a quella cena c’erano artisti del calibro di BHP e io non sono andato a cena?” Palmer ha spiegato. “non siamo così stupidi.”

Lasciando perdere le considerazioni del giornalista che critica apertamente Palmer cercando di buttarla sul solito “cerchiobottismo” che da un colpo alla crisi geopolitica tra USA e Cina e un po’ ridicolizzando le teorie “complottistiche” di Palmer (cosi’ le chiama) eppure il magnate australiano ha fatto delle accuse circostanziate e chiare nei confronti di determinati gruppi ambientalisti e “anti-coal”. Questo si inquadra innanzitutto con le teorie propagandate da AL GORE e la panzana dell’effetto serra. Palmer parla di un documento segreto trapelato di Greenpeace e di altre associazioni ambientaliste. Tra parentesi ricordiamo che Greenpeace e’ una delle principali associazioni ambientaliste che propugna con forza queste panzane “algoriane” ai quattro venti e non e’ un segreto per nessuno. Come non e’ nemmeno un segreto che i gruppi elitari appoggino questa campagna Palmer si arrabbia e giustamente non possiamo dargli torto dato che se da una parte La famiglia Rockfeller pubblicizza la panzana dell’effetto serra dall’altra parte nelle tragedie vere e realistiche come quella di Fukushima richiede moderazione.. Da una parte la famiglia Rockfeller fa del fearmongering su una panzana inventata appositamente dal NWO e quando invece bisogna parlare di tragedie reali come quella dell’impianto nucleare giapponese glissa. Gli Illuminati: Ambientalisti a mezzo servizio!

Ora se la denuncia del magnate australiano e’ vera questa sua denuncia va assolutamente come una delle prime denunce pubbliche della relazione che esiste tra certe organizzazioni ambientaliste e il Nuovo Ordine Mondiale
NumberSix

1/5/2012 FONTE: http://prigioniero.6serve.com/Palmer-Australia